Il Consorzio Quarantacinque e il Consorzio Oscar Romero nella gestione del Laboratorio Aperto

Il Consorzio Quarantacinque e il Consorzio Oscar Romero si sono aggiudicati la gara per la gestione del Laboratorio Aperto Urbano, il centro di sperimentazione che si colloca all’interno dei Chiostri di San Pietro di Reggio Emilia, complesso monumentale benedettino risalente al XV secolo e riaperto al pubblico lo scorso 23 marzo, a seguito di un importante intervento di recupero e di valorizzazione.

La convinzione che lo scambio di conoscenze e la collaborazione tra persone differenti siano valori aggiunti e favoriscano la ricerca di soluzioni innovative, fa sì che la gestione del Laboratorio sia affidata ai due storici consorzi di cooperative sociali di Reggio Emilia che, da decenni, rappresentano  e raccordano realtà leader nei servizi alla persona e nell’inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati.

Economia collaborativa, innovazione sociale e tecnologia sono le parole chiave per identificare il Laboratorio Aperto che, grazie all’esperienza del Quarantacinque e del Romero, contribuirà a rendere i Chiostri di San Pietro una vetrina internazionale di cultura, tradizione e innovazione della Città di Reggio Emilia.