Il progetto “Nati per soffriggere” a Il Gusto del Natale dall’8 all’11 dicembre a Torino

banner

La seconda edizione de “Il Gusto del Natale” l’iniziativa promossa dalla Cooperativa Animazione Valdocco e Chef Kumalè, in collaborazione con Fondazione Torino Musei, avrà luogo dall’8 all’11 dicembre, dalle ore 10.00 alle 19.00, nella suggestiva cornice del Borgo Medievale di Torino: un ricco percorso espositivo ad ingresso libero e gratuito, con decine di maestri, artigiani, cooperative sociali e botteghe, ciascuno con le proprie creazioni e squisitezze oltre a un fitto cartellone di appuntamenti a tema natalizio.

natipersoffriggere

Il Gusto del Natale è un percorso alla riscoperta dei valori più autentici delle nostre tradizioni regionali e di quelle del mondo che abbiamo in casa, ma anche un’occasione per scoprire le ricette della tradizione natalizia italiana e del mondo con un’attenzione particolare ai temi dell’integrazione e dell’accoglienza. Il programma dell’iniziativa prevede infatti quattro appuntamenti con gli showcooking guidati da Chef Kumalé e dai suoi ospiti, i protagonisti del progetto “Nati per Soffriggere”, che mira a valorizzare le competenze culinarie di migranti e cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale, utilizzando la cucina multietnica come elemento d’integrazione sociale e di stimolo culturale. Ai fornelli si alterneranno infatti quattro ospiti dei centri di accoglienza gestiti dalla Cooperativa Pietra Alta del Consorzio La Valdocco, sono persone provenienti da Paesi lontani: India, Afghanistan, Ghana e Nigeria che sveleranno in esclusiva per voi i segreti delle loro ricette tradizionali, ma che porteranno anche una testimonianza di grande valore umano della loro esperienza.

Il Progetto #NatiPerSoffriggere, ideato dal giornalista Vittorio Castellani alias Chef Kumalé, e realizzato in collaborazione con la Cooperativa Animazione Valdocco a Torino e le Cooperativa Il Biscione e La Comunità a Genova, coinvolge gruppi di ospiti dei servizi di accoglienza e assistenza delle nostre città, riservati ai cittadini stranieri richiedenti asilo e protezione internazionale. #NatiPerSoffriggere rappresenta al tempo stesso una palestra linguistica e di abilità sociali, un osservatorio sui temi del rapporto alimentazione-salute, un laboratorio sull’intercultura a tavola, organizza attività formative propedeutiche all’inserimento lavorativo, ma anche attività culturali all’insegna dell’edutaiment per la comunità in occasione di manifestazioni, iniziative ed eventi o rivolte agli addetti ai lavori (educatori-insegnanti) organizzando cooking class, cooking show e serate gastronomiche social a tema, cucinate dagli ospiti dei centri di accoglienza o in strutture e/o eventi esterni e aperti al pubblico. E poiché la strada si fa camminando, all’orizzonte del Progetto #NatiPerSoffriggere si intravedono obiettivi ambiziosi: l’apertura di un FoodLab di Refugee food, l’allestimento di un Food Truck itinerante per servire il più autentico street food, la redazione di libri e video ricettari, il gemellaggio con altri progetti simili in Europa.
Qui di seguito il programma degli showcooking, che per l’occasione vedranno la presenza di ospiti di eccellenza:

Giovedì 8 dicembre:

17h30 Sala Ozegna | cooking show con i cuochi di #NatiPerSoffriggere Fried Rice: il riso saltato delle feste by Happiness Ehizokhale (Nigeria) Special guest: Luciana Littizzetto

Venerdì 9 dicembre:

17h00 Sala Ozegna | cooking show con i cuochi di #NatiPerSoffriggere Biryani: riso basmati saltato al curry e frutta secca by Navjot Kaur (Punjab-India) Special guest: Luca Morino dei Mau Mau

Sabato 10 dicembre:

17h00 Sala Ozegna | cooking show con i cuochi di #NatiPerSoffriggere Thiadouran: stufato in salsa di arachidi by Sulayman Cessay (Ghana) Special guest: Monica Cerutti Assessore alle Politiche giovanili e pari opportunità Giancarlo Gonella Presidente Legacoop Piemonte

Domenica 11 dicembre:

17h00 Sala Ozegna | cooking show con i cuochi #NatiPerSoffriggere Ghabeli polo: il piatto ricco delle feste by Zahara Nabizade (Afghanistan) Special guest: Sergio Durando Direttore Ufficio Pastorale Migranti Diocesi di Torino.